GIA

GIAGruppo Islamico Armato

GIA.

Avverbio di tempo passato, e vale, per lo passato. Lat. olim, quondam.
Bocc. n. 78. 2. In Siena, sì come io intesi già, furon due giovani, ec.
Dan. Inf. c. 1. E molte genti fe già viver grame.
Petr. Son. 4. Venendo in terra a illuminar le carte, Ch' avean molti anni già celato il vero.
¶ Per ORAMAI. Lat. iam.
Boc. n. 1. 9. Il buono huomo, il quale già era vecchio, e disordinatamente vivuto.
Dan. Inf. c. 7. Già ogni stella cade, che saliva. E cant. 2. Tanto m' aggrada il tuo comandamento, Che l' ubbidir, se già fosse, m' è tardi.
Petr. Son. 11. Che già vi sfida amore, Ond' io sospiro.
Bocc. n. 13. 25. Dove già la fama aveva la novella recata.
¶ E talora partivella riempitiva, come la quidem, e la Lat. sanè.
Bocc. Introd. n. 45. Ora fossero essi pur già disposti a veníre.
¶ Talora riempitiva, ma che aggiugne alquanto di forza al parlare, e dagli ornamento.
Bocc. introd. n. 55. Le quali, non già da alcun proponimento tirate, ma, ec.
Petr. canz. 14. 1. Del mio fermo voler già non mi svoglia. E Son. 51. Caddi, non già, come persona viva.