arra

ARRA,

propriamente parte di pagamento della mercatantia pattuita, che si da al creditore per sicurtà, laquale, in caso, la mercatantia non si volesse, si perde. Lat. arrha, arrhabo. Gr.
Caval. Med. del cuor. Qui ha per arra molte afflizioni d' anima, e di corpo, e poi, per pagamento compiuto, se ne va a morte eterna.
Tav. rit. E donansi l' arra di quello, che a quel punto non si poteva far mercato. E appresso. Adoperarono tanto, sì, e in tal maniera, che feciono il pagamento amoroso della dilettosa arra, che nel principio s' avevan dato.
Bocc. n. 67. 11. E acciocchè tu questo creda, io ti voglio dare un bacio per arra.
G. V. 6. 85. 2. E tornando i detti ambasciadori d' Alamagna, per insegna, e arra della venuta di Curradino, si fecero donare la sua mantellina foderata di vaio.
Dan. Purg. 28. Fece l' huom buono a bene, e questo loco Diede per arra a lui d' eterna pace.
Traduzioni