avanzo

avanzo

(a'vantso)
nome maschile
1. anche assol. ciò che rimane come residuo mangiare gli avanzi del giorno prima avanzo di stoffa
figurato persona poco raccomandabile
2. commercio eccedenza delle entrate rispetto alle uscite essere in avanzo di 10.000 euro

AVANZO

il rimanente, che ancor diciamo il, restante. Lat. reliquum.
Bocc. n. 80. 19. E per l' avanzo, se più presta via non troverrò, impegnerò tutte queste mie cose.
Petr. Son. 234. Che l' avanzo di me convien, che rompa.
¶ Per acquisto, e guadagno. Lat. Lucrum, compendium.
M. V. 9. 54. Con certo soldo limitato da potersi passar con avanzo.
Bocc. n. 98. 51. Quali stati, qua' meriti, quali avanzi avrebbe fatto Gisippo, non curar di perdere i suo' parenti?
Dan. Purg. c. 31. E quali agevolezze, o quali avanzi.
Traduzioni

avanzo

zbytek

avanzo

resto, sobra

avanzo

pasmândé, tah-mândé

avanzo

residuo, resto, sparnio

avanzo

stump

avanzo

overskud

avanzo

overschot

avanzo

излишък

avanzo

흑자

avanzo

עודף

avanzo

nadwyżka

avanzo

[aˈvantso] sm
a. (gen) (Mat) → remainder; (di stoffa) → remnant; (di carta) → scrap
avanzo di galera (fig) → jailbird avanzi smpl (di cibo) → leftovers
b. (sovrappiù) averne d'avanzo (di qc)to have more than enough (of sth)
ce n'è d'avanzo → there is more than enough
c. (Comm) → surplus; (eccedenza di bilancio) → profit carried forward