barba


Ricerche correlate a barba: barbe

barba

('barba)
nome femminile
1. i peli che crescono sul viso degli uomini e di alcuni animali farsi crescere la barba la barba della capra
radersi
2. familiare cosa o persona noiosa Sei proprio una barba. Che barba!
3. filamenti di frutti la barba del mais
4. piccole radici di una pianta
attecchire

BARBA.

i peli, che ha l' huomo, nelle guance, e nel mento. Lat. barba.
Bocc. n. 15. 24. Mostrava d' essere un gran barbassoro, con una barba nera, e folta al volto.
Dan. Inf. c. 12. Chiron prese uno strale, e con la cocca Fece la barba indietro alle mascelle. E can. 23. Soffiando nella barba co' sospiri.
E a quella parte della barba, che è sopra le labbra, diciamo basette, e mustacchi. Gr.
Ber. Rim. Voi sol de' Turchi vedeste i mostacchi.
¶ E BARBA, per simiglianza si dice a' peli lunghi del muso d' alcuni animali, come di becchi, di cani, e simili. Lat. barba. Dan. Inf. c. 6. Favellando di Cerbero.
Dan. Inf. c. 6. Gli occhi ha vermigli, e la barba unta, e atra.
¶ Per zio, detto alla Lombarda.
Dan. Par. 19. E parranno a ciascun l' opere sozze Del Barba, e del fratel.
¶ Per metaf. le radici delle piante.
Cr. 5. 7. 2. Piantansi piante con barbe, le quali si truovano allato a esso arbore. E lib. 4. 47. 2. Il composto si fa in questo modo: togli barbe d' appio, di finocchio, di petrosemolo, e pestale.
Espos. Vang. La scura è posta alla barba dell' albero, ec. E appresso la barba dell' albero sta nascosta, e celata, e in volontà dell' huomo è invisibile.
Teolog. mistic. E così i rami suoi grandissimi, per le frondi, radici, e barbe non si rompono.
¶ A questa similit. diciamo anche, barba di nascenza, di dente, e di simili cose.
¶ Per metaf. da radice, fondamento, e principio, sì come appo i latini radix, e appo i greci.
0 O del dolce mio mal prima radice.
Com Inf. c. 31. Questo vizio ha le sue radici proprie, fatte nella superbia, barba di tutti i vizj.
Diciamo in proverbio Far la barba di stoppa. Che val far qualche male ad alcuno, che non ne tema, o non se lo pensi.
Morg. Quanti ne giunge riscontra, o rintoppa, Faceva a tutti la barba di stoppa.
E Alla barba mia, cioè in ischerno, in danno, in dispetto, in onta mia.
Morg. Rinaldo disse: alla barba mia Gano. E di sopra. Diceva Gano alla barba l' avrai.
E da BARBA, BARBOZZA, che è quella parte del cavallo, dove sta il barbazzale, catenella, che va attaccata all' occhio dritto del morso della briglia, e si congiugne col rampino, che è all' occhio manco, dietro alla barbozza del cavallo.
Morg. E sfibbia a Vegliantino il barbazzale.
E da questo il Favellar senza barbazzale, cioè, senza riguardo, o ritegno, con soverchia libertà. Lat. libere loqui. Gr.
Da BARBAZZALE, SBARBAZZATA, che vale lo stesso, che sbrigliata, o sbrigliatura onde dare una sbarbazzata, vale fare una buona riprensione, tolta la metaf. dal dare strappate di briglia a' cavalli, quando s' ammaestrano.
Traduzioni

barba

Bart

barba

barbe

barba

szakáll

barba

barba

barba

skjegg

barba

брада

barba

skæg

barba

barbo

barba

riš

barba

barba

barba

barzda

barba

baard

barba

broda

barba

skägg

barba

kievu, ndevu

barba

sakal

barba

DaaRhi, reeSH

barba

vousy

barba

parta

barba

brada

barba

あごひげ

barba

턱수염

barba

เครา

barba

râu

barba

胡须, 胡子

barba

זקן

barba

鬍子

barba

[ˈbarba] sf
a.beard
farsi la barba → to shave
una barba di 3 giorni → 3 days' growth
farla in barba a qn (fig) → to fool sb
servire qn di barba e capelli (fig) → to teach sb a lesson
che barba! (persona, libro) → what a bore!
b. (Bot) → (fine) root