battere

(Reindirizzato da battesser)

battere

('batːere)
verbo transitivo
1. colpire una o più volte qlco battere un chiodo col martello
applaudire
tremare dalla paura o dal freddo
coniarla
figurato chiedere denaro
figurato impassibilmente Ha pagato senza battere ciglio.
approfittare del momento favorevole
ritirarsi in fretta, fuggire
in un baleno
2. andare a sbattere contro qlco Ha battuto la testa contro il muro.
3. sconfiggere in una gara battere gli avversari
4. ispezionare un'area in lungo e in largo La polizia ha battuto tutta la zona.
5. scandire il tempo o il ritmo Il campanile ha battuto la mezzanotte. battere il tempo musicale
6. sport tennis, calcio tirare la palla per iniziare o riprendere il gioco battere un rigore
7. scrivere con una tastiera battere un testo al computer
8. primato superare un primato Ha battuto il record mondiale.

battere


verbo intransitivo aus. avere
1. picchiare su una superficie La pioggia batte sui vetri.
2. cuore contrarsi ritmicamente Mi batteva forte il cuore.
figurato farlo innamorare
3. figurato insistere su una cosa
figurato insistere continuamente sullo stesso punto
a furia di tentativi Batti e ribatti, ha ottenuto quel che voleva.
4. pop. esercitare la prostituzione per strada

BATTERE

dar percosse, busse, picchiate. Lat. verberare, percutere, cedere.
Bocc. n. 18. 37. E minacciógli forte di battergli, se quello, che il lor maestro volea, non facessero. E n. 11. tit. E, conosciuto il suo inganno, è battuto, e poi preso.
Dan. Inf. c. 3. Batte col remo qualunque s' adagia. E Inf. c. 28. Che li battean crudelmente di retro. E di sotto. Ed egli allor battendosi la zucca.
G. V. 6. 44. 3. Rubando le chiese, e battendo chi non era della sua ubbidienza. E lib. 7. 9. 7. Allora un baron del Re lo battèo forte d' un bastone.
¶ In vece di percuotere, e picchiare che che si sia. Lat. pulsare, cudere.
Bocc. n. 15. 22. E dopo alcune parole, da capo cominciò a batter l' uscio, e a gridare.
Vit. Plut. Bruto era di sua natura, come il ferro, quando si batte freddo.
Bocc. n. 20. 17. Anzi di dì, e di notte ci si lavora, e battecisi la lana.
Qui è per similit.
Dan. Inf. c. 11. Che mena il vento, e che batte la pioggia.
G. V. 1. 43. 2. Il Mare detto Tirréno, che, con le sue rive, batte le contrade di Maremma.
Tes. Br. 3. 4. Come ell' è tornata del grande Mare, ch' è detto Oceano tutto, ma el muta nome spesse fiate, secondo li luoghi dov' elli batte, che primieramente quivi, dove elli batte in Arabia, si è appellato Mar d' Arabia [cioè dove egli arriva]
¶ Per percuotere insieme. Lat. concutere.
Boc. n. 12. 7. Tremando, e battendo i denti, cominciò a riguardare. E n. 77. 14. Videro lo Scolare far, su per la neve, una carola trita a un suon d' un batter di denti. E num. 65. Non potendo più la voce tenere, battendosi a palme, cominciò a gridare.
Dan. Inf. c. 9. Batténsi a palme, e gridavan sì alto.
G. V. 8. 121. 1. E con le croci innanzi s' andavano battendo, di luogo in luogo [cioè disciplinandosi]
¶ Per abbattere, gettar con violenza. Lat. proijcere.
M. Vill. 11. 5. Lo battè in terra morto, che mai non fe parola.
¶ Per cavare il grano della paglia, e del guscio, percotendolo. Lat. terere.
Mor. S. Greg. Egli verrà il tempo del battere, e allora saranno tritate le reste, e le sode granella rimarranno.
Bocc. nov. 77. 56. Che allato alle lor case tutte le lor biade battevano.
¶ Per un certo palpitare, che diremmo, martellare. Lat. Cieri.
Bocc. n. 18. 22. Perchè il polso più forte cominciò a battergli. E nov. 22. 12. A tutti cominciò ad andar toccando il petto, per sapere se gli battesse.
E da, battere, per, palpitare, aviam BATTICUORE.
¶ Per andare in gran fretta. Lat. properare.
G. Vill. 10. 109. 1. Il Bavero sentendo lor folle partita, per messaggi, battendo, mandò a Lucca.
Onde, battersela, quando si parte in fretta.
Dan. Inf. c. 26. Godi Fiorenza, poichè se sì grande, Che per mare, e per terra batti l' ali [cioè arrivi con la fama]
Petr. canz. 24. 7. Che costei batte l' ale, Per tornare all' antico suo ricetto.
E batter moneta, è improntar metallo della impronta di chi la fa battere. Lat. cudere pecuniam.
G. V. 4. 1. 7. Privilegiò i Lucchesi, che potesser batter moneta d' oro. E lib. 6. 64. 2. Batterono gran quantità di fiorini.
E Batter gli occhi, è quello spesso percuoter delle palpébre, che si fa in serrargli, e aprirgli. Lat. iactare oculos.
Petr. canz. 20. 5. E 'l batter gli occhi miei non fosse spesso.
Onde nasce il dire In un batter d' occhio, che denota una eccessiva prestezza. Gr. Lat. in ictu oculi.
M. V. 9. 38. E racchetò la furia, e 'l bollór del popolo, in un batter d' occhio.
Diciamo in proverbio, Battere il ferro mentre ch' egli è caldo, cioè non perder tempo, ne occasione. Lat. tundere ferrum dum candet.
Morg. Orlando non è in Corte, ne Rinaldo, Però battiamo il ferro mentre è caldo.
E Batter due ferri, o chiodi, a un caldo, cioè, far due cose a un tratto. Duos parietes de eadem fidelia dealbare.
E Battere il capo nel muro, cioè darsi alla disperazione. Lat. impatientiae manus dare.
E Batter la borra, tremar per freddo. Lat. contremiscere.
Diciamo BATTILORO, che è quegli, che sottiglia l' oro per filare. Lat. bracteator, bractearius.
BATTICULO, armadura delle parti deretane.
BATTILANO, quegli che con pettine di ferro, e con bocca, separa, e cava lo stame dalla lana. Lat. carminarius.
BATTERIA, il percuoter co' tiri dell' artiglieria le muraglie.
BATTITOIO. Quella parte della 'mposta d' uscio, o finestra, che batte nello stipito, o nell' altra parte della 'mposta, quando si serra. Pigliasi anche per quella parte dello stipito, ch' è battuta da essa imposta
Traduzioni

battere

bít, třené těsto, porazit, praštit

battere

slå, dunke

battere

rebati

battere

bordan [bar-] ①, kubidan, kuftan [kub-], zadan [zan-], zarbé zadan

battere

batter, calcar, colpar, flagellar, fustigar, pulsar, stampar, timbrar

battere

hamra, knacka, stryka, dunka, slå

battere

bishia, buta, fua, gonga, gota, piga, pura

battere

dastak deyna, Dhab Dhabaana, khaR khaRaana, peeTna, zad o kob karna

battere

lyödä, tömähdys, voittaa

battere

pobijediti, tući, udarati

battere

・・・に勝つ, ゴツンと打つ, 続けざまに打つ

battere

능가하다, 때리다, 탁 치다

battere

ตี, ทำให้พ่ายแพ้, ทุบ

battere

đánh bại, đánh đập, đập

battere

, 胜过, 重击

battere

[ˈbattere]
1. vt
a. (percuotere, persona) → to beat, strike, hit; (panni, tappeti) → to beat; (ferro) → to hammer; (grano) → to thresh
battere il ferro finché è caldo (fig) → to strike while the iron is hot
battè un pugno sul tavolo → he beat his fist on the table
battersi il petto → to beat one's breast (fig) → to repent
battere (a macchina) → to type
battere il tempo, battere il ritmo (Mus) → to beat time
b. (avversario) → to beat, defeat; (concorrenza, record) → to beat
in matematica nessuno lo batte → there's no one to beat him at maths
c. (urtare, parte del corpo) → to hit
ha battuto il mento sul gradino → he hit his chin on the step
batteva i denti per il freddo → his teeth were chattering with the cold
battere i piedi → to stamp one's feet
battere i tacchi → to click one's heels
battere le mani → to clap one's hands
d. (sbattere, ali) → to beat
senza battere ciglio → without batting an eyelid
in un batter d'occhio → in the twinkling of an eye
e. (rintoccare, le ore) → to strike
il pendolo batteva le 8 → the grandfather clock was striking 8 o'clock
f. (Culin) → to beat
g. (Sport) (palla) → to hit
battere un rigore (Calcio) → to take a penalty
h. (percorrere, campagna, paese) → to scour, comb (Caccia) → to beat
battere (il marciapiede) (esercitare la prostituzione) → to be on the game
i. batterselato run off
j. (Fin) battere monetato mint coin
2. vi (aus avere)
a. (cuore, polso) → to beat; (pioggia, sole) battere (su)to beat down (on)
la pioggia batteva sui vetri → the rain beat o lashed against the window panes
battere in testa (Aut) → to knock
b. (insistere) battere suto insist on
battere su un argomento → to harp on a topic
c. (bussare) battere (a)to knock (at)
d. battere in ritiratato beat a retreat, fall back
3. (battersi) vip (lottare) → to fight (fig) → to fight, battle
battersi all'ultimo sangue → to fight to the last