cattivo


Ricerche correlate a cattivo: alito cattivo

cattivo

(ka't:ivo)
aggettivo
1. contrario alla morale cattivi pensieri
2. predisposto al male persona cattiva
3. sgarbato con gli altri cattive maniere cattivo umore
4. che non si attiene alle regole un bambino cattivo
5. che non è capace di fare qlco un cattivo professionista
6. che non funziona bene, che presenta difetti una cattiva memoria un cattivo risultato
salute precaria, cagionevole
ridotto male
7. di qualità scadente un cattivo prodotto una cattiva prestazione
8. che produce una sensazione sgradevole sapore cattivo un cattivo odore
tempo meteorologico perturbato
9. che reca svantaggio un cattivo affare un cattivo consiglio una cattiva scelta
figurato essere sfortunato
10. non positivo, non favorevole avere un cattivo giudizio di qlcu cattiva sorte
avere problemi economici
11. che arreca dispiacere una cattiva notizia

cattivo


nome maschile
1. anche f. -a (a) persona malvagia i buoni e i cattivi
2. la parte guasta di qlco C'è del buono e del cattivo in ogni cosa.
3. odore o sapore sgradevole Questo latte sa di cattivo.

CATTIVO.

prigioniero. Lat. captivus.
Dan. Inf. 30. Ecuba trista, misera, e cattiva.
Ar. Fur. Ch' a' suoi le spoglie dividea e i cattivi.
¶ Per misero, meschino, tapíno, dolente, mal contento. Lat. miser, infoelix.
Bocc. n. 86. 9. Oimè cattiva, vedi quello ch' io faceva. E nov. 89. 10. Deh cattivo, che farai, vuo 'l tu uccidere? E n. 85. 23. Così adunque Calandrino tristo, e cattivo, tutto pelato, e tutto graffiato, a Firenze tornatosene, ec.
¶ Per vile, e abbietto. Lat. vilis, abiectus.
Bocc. n. 79. 11. Egli non ven' è niuno sì cattivo, che non vi paresse uno Imperadore. E n. 85. 22. Ella dee ben sicuramente esser cattiva cosa, ad aver vaghezza di così bella gioia, come tu se [cioè sozza, laida, liquida, e come noi diciam, mala roba ]
¶ Per manigoldo, poltrone, dappoco, gaglioffo. Lat. iners, ineptus.
Boc. n. 12. 6. Come cattivo, niuna cosa al suo aiuto adoperò.
Liv. M. S' infinse d' esser folle, e cattivo, e abbandonò al Re se e i suo' beni.
¶ Per contrario di buono, reo, malvagio. Lat. malus, improbus, che è il significato più usitato.
Petr. cap. 4. Che par dolce a' cattivi, e a' buoni acra.
Bocc. n. 40. 4. Di nazion nobile, ma di cattiva vita. E nov. 8. 4. Sì come padre mordere i difetti de' cattivi. E nov. 23. 7. Gli huomini fanno alcuna volta le imbasciate in modo, che le risposte seguitan cattive. E nov. 55. 4. E per avventura in sur' un cattivo ronzino a vettura. E nov. 50. 3. Lasciando il cattivo huomo, con la mala ventura, star nella sua disonestà. E nov. 68. 10. Sempre dicendole la maggior villanía, che mai a cattiva femmina si dicesse.
Dan. Inf. c. 3. Mischiati sono a quel cattivo coro. E di sotto. Che questa era la setta de' cattivi: e qui può anche voler dire, infelici, e meschini.
E Bocc. n. 53. 5. Quantunque di buona famiglia fosse, era avarissimo, e cattivo [cioè sciagurato, e briccone] E n. 60. 7. Il quale era tanto cattivo, ch' egli non è vero, che mai Lippo Topo ne facesse alcun cotanto. Qui può voler dire sciagurato, e manigoldo, e forse è ironico, cioè scempiato, e da niente, contrario di viziato, astuto, e sagace, che anche diciam, cattivo. E nov. 64. 3. E più volte avendolo della cagion della sua gelosía domandato, ne egli alcuna avendone saputa assegnare, se non cotali generali, e cattive [cioè leggieri, frivole, e di poco momento]
Traduzioni

cattivo

дяволски, злобен, зъл, лош, лошо, проклет

cattivo

dolent

cattivo

špatný, zlobivý, zlý, hanebný, ošklivý

cattivo

dårlig, ond, slem

cattivo

malbona

cattivo

bad, badjens, šarur

cattivo

mal, perverse, prave

cattivo

blogas

cattivo

mediocru, prost [calitate], rău, răutăcios, urât

cattivo

baya, bovu, mtundu, ovu, vibaya

cattivo

kötü, fena, hain

cattivo

pohanyj

cattivo

bad, bigRa, bura, GHaer, gum raah, kharaab

cattivo

huono, paha

cattivo

loš, podao

cattivo

悪い, 邪悪な

cattivo

나쁜, 사악한, 안 좋은

cattivo

dårlig, ond, slem

cattivo

malvado, mau

cattivo

dålig, elak

cattivo

เลว, ชั่วร้าย

cattivo

tồi, xấu, xấu xa

cattivo

רע

cattivo

/a [katˈtivo]
1. agg
a. (persona, azione) → bad, wicked; (bambino, birichino) → naughty, bad
brutto cattivo! → you naughty boy!
quel ragazzo è un cattivo soggetto → that boy's a bit of a rascal
farsi cattivo sangue → to worry, get in a state
farsi un cattivo nome → to earn a bad reputation for o.s., earn o.s. a bad reputation
b. (di qualità, gen) → bad; (odore, sapore) → bad, nasty; (cibo guasto) → off; (insegnante, salute) → bad, poor; (mare) → rough
con le buone o con le cattive (maniere) → by hook or by crook
2. sm/fbad o wicked person; (nei film) → villain
fare il cattivo (bambino) → to be naughty
i cattivi (nei film) → the baddies (Brit), the bad guys (Am)