cavare

(Reindirizzato da cavavo)

cavare

(ka'vare)
verbo transitivo
1. tirare fuori cavare un dente
2. ottenere un risultato cavare un profitto Da questo lavoro non ci cavi molto.
figurato non ottenere nulla
3. togliersi di dosso cavarsi la giacca
4. soddisfare un desiderio cavarsi una voglia
riuscire in qualche modo a destreggiarsi in una situazione Me la cavo a parlare l'inglese. Se l'è cavata da solo.

CAVARE.

levare la cosa donde ella si truova, e, per lo più, s' intende di quello, che in certo modo circonda, come cavarsi i panni: od è circondato, come cavar qualche cosa d' una cassa, d' una buca, o simile: contrario di, mettere. Lat. educere, effodere.
Bocc. n. 35. 3. Dove mendura le parve la terra quivi cavò.
Dan. Purg. c. 9. Cenere, e terra, che secca si cavi, D' un colore era col suo vestimento.
Filoc. lib. 5. 147. Andava cogliendo erbe, e cavando con un picciolo coltello diverse radici.
G. V. 12. 20. Gli fece cavar la lingua fino allo strozzúle.
¶ Per izzappare attorno. Lat. circumfodere.
Cr. 5. 8. 4. Amano d' essere spesso cavati, e per questo avvegnono i frutti maggiori. E cap. 10. 7. Il fico, ec. ama d' essere spesso cavato. E cap. 12. 5. Questi arbori, ec. due, o tre volte si cavino intorno, per ciascuna state. E cap. 14. 3. Il moro, ec. ama molto d' esser cavato, e letaminato. E cap. 16. 3. Il nespolo, ec. ama d' esser potato, e cavato intorno: e in questo significato diciamo anche scalzare.
S' estende ancora ad altre cose, come Cavar cento scudi d' una cosa. Lat. vendere centum aureis. Cioè venderla quella somma.
Cavare un di cervello, cioè, torgli il cervello, soverchiamente importunandolo, o tribolandolo.
E in proverbio. Cavami d' oggi, e mettimi in domane: cioè, non voler preveder ne pensare a quel che potesse bisognarti per l' avvenire.
E cavare un del fango, Lat. coeno aliquem educere. Cioè, sollevare uno ne' suoi affari.
E RICAVARE. ch' è di nuovo cavare, ma l' usiamo ancora in significato di copiare, e levar dall' esemplo.
Traduzioni

cavare

quitar, sacar

cavare

cavar, extraher, satisfacer

cavare

[kaˈvare] vt
a. (gen) → to take out, draw out; (marmo) → to extract; (dente) → to pull, extract; (informazioni, soldi) → to obtain, get
cavare gli occhi a qn (anche) (fig) → to scratch sb's eyes out
me l'hai cavato di bocca → you took the words out of my mouth
non gli ho cavato una parola (di bocca) → I couldn't get a word out of him
b. cavarsi (capriccio, voglia) → to satisfy; (fame) → to satisfy, appease; (sete) → to quench, slake; (giacca, scarpe) → to take off
cavarsi il pane di bocca (fig) → to make sacrifices
c. cavarsela (farcela) → to manage, get on all right; (da impiccio) → to find a way out
come te la cavi? → how are things?
cavarsela (a buon mercato) → to come off lightly, get away with it
se l'è cavata bene (in un processo) → he got off lightly (in un esame) → he did quite well
se l'è cavata con qualche graffio → she came out of it with only a few scratches