cerimonia, e cerimonie

CERIMONIA, e CERIMONIE.

culto esteriore intorno alle cose attenenti a religione. Lat. caeremonia, arum.
M. Vill. 1. 24. E però la santa Chiesa dispensò con lui queste cerimonie, e levolle del pericolo, e della spesa.
E s' estende ancora a quegli atti, che si fanno da' magistrati, o da' Principi nelle azion pubbliche.
¶ Per abuso.
Galat. Cerimónie sono una, ec. vana significazion d' onore, e di riverenza, verso colui, a cui si fanno, posta ne' sembianti, e nelle parole, dintorno a' titoli, e alle profferte.
E da CERIMONIA CERIMONIERE, che è il maestro delle cerimónie.
E CERIMONIALE il libro, dove son registrate le cerimonie. Lat. liber rotualis.