colpare

COLPARE.

peccare.
Filoc. lib. 7. 436. Con ragion teme, non sopra di lui la morte del vostro fratello, alla quale, non nato ancora, niente colpò, voleste vengiare.
Moral. San Greg. Imperciocchè egli colparono assai, per lo loro parlamento, il quale fu fatto senza alcuno ordine di discrezione.
¶ Per rendersi in colpa.
Tes. Br. 5. 40. Anzi, che cominci a laudare il nome d' Iddio si si dee battere, e colpare de' suoi peccati, perciocchè niuno è sanza essi.