conio

conio

('kɔnjo)
nome maschile
1. procedimento con il quale si stampano le due facce di monete o medaglie monete nuove di conio
2. stampo con cui si coniano monete o medaglie e l'impronta da esso lasciata conio di acciaio
figurato spreg. dello stesso stampo, dello stesso tipo gente dello stesso conio
3. figurato creazione di qlco vocabolo di nuovo conio

CONIO.

strumento di metallo, o di legno, tagliente da una testa, e verso l' altra va ingrossando, e pigliando forma piramidale, onde percosso, ha forza di penetrare, e di fendere. Lat. cuneus.
Cr. 2. 23. 13. E quivi, tra la corteccia, e 'l legno, si metta, per due, o tre dita, un cónio di ferro, o vero d' osso, che digradi fino al taglio.
Liv. M. Poi feciono una schiera appuntata, a guisa d' un cónio, per più agiatamente balirgli.
CONIO si chiama ancora quel ferro, nel quale è intagliata la figura, che s' ha ad imprimer nella moneta: e dicesi altresì TORSELLO, e PUNZONE.
E CONIO. La 'mpronta stessa. Gr.
Dan. Inf. c. 30. S' io dissi il falso, e tu falsasti il cónio. E Par. 19 quel di Rascia, Che male aggiustò 'l conio di Vinegia. E can. 29. E altri ancor, che sono assai più porci, Pagando di moneta senza cónio.
Bocc. n. 60. 17. Null' altra moneta spendendo, che senza conio.
¶ E CONIO per moneta. Lat. aes, pecunia.
Dan. Inf. c. 18. Ruffian qui non son femmine da cónio, cioè che vendano la loro onestà per moneta.
Il Morg. Lo disse per la saetta amorosa.
Morg. Come si tragga l' amoroso cónio.
Traduzioni

conio

die

conio

монетна

conio

주화

conio

cunhagem

conio

/nii [ˈkɔnjo] sm
a. (punzone) → minting die
b. (impronta) → stamp
moneta di nuovo conio → newly-minted coin
c. (invenzione) → coining
parole di nuovo conio → newly-coined words