convenevole

CONVENEVOLE.

sust. Lat. aequum.
Bocc. n. 29. 3. Laquale infinito amore, e oltre al convenevole della tenera età, fervente, pose a questo Beltramo.
Diciamo fare i convenevoli [cioè cirimonie]
Morg. L' Abate poichè molto onore ha fatto, E tutti i convenevoli finiti. E altrove. E poichè i convenevoli fatti hanno, Inverso Siragozza se ne vanno.
AL CONVENEVOLE. avverbialm. convenevolmente.
G. V. 12. 72. 10. Ma al continuo pasciuti di limosine al convenevole, considerando il disordinato caro, e fame [cioè secondo il convenevole]

CONVENEVOLE.

conforme al dovere, conveniente, giusto, ragionevole, dicevole. Lat. aequus, conveniens, congruens.
Bocc. proem. 2. A niun convenevol termine mi lasciava contento stare. Introd. num. 41. Il prendere gli strani non saria convenevole. E n. 29. 27. E fattala di vestimenti a lei convenevoli rivestíre. E nov. 41. 10. La rozza voce, e rustica, in convenevole, e cittadina, ridusse. E nov. 52. 10. E, dettogli villanía, gli fece torre un fiasco convenevole. E n. 15. 18. Non gliele voleva dire, perciocchè non era onesta cosa, ne convenevole. E nov. 1. 1. Non so cui io mi possa lasciare a riscuotere il mio da loro più convenevol di te [cioè a proposito] E nov. 19. 16. Preso tempo convenevole, dal Soldano impetrò, ec. [cioè bastante] E n. 14. 16. Che a convenevol pregio vendendole, ec.
Traduzioni

convenevole

подходящ, поздрав, реден, удобен, уместен

convenevole

angebracht

convenevole

convenabil

convenevole

уместный