corbo

CORBO.

Lat. corvus.
Tes. Br. 5. 20. Corbo è un' uccel grande, ed è tutto nero: e quando vede nascere i suo' figliuoli con le caluggini bianche, si non crede, che sieno suoi figliuoli, e partesi dal nido, e poi a pochi dì vi torna.
Fior. vir. A. M. Puotesi appropriare alla tristizia il corbo, il quale vedendo nascere i suo' figliuoli bianchi, si s' attrista tanto, che gli lascia stare, e partesi, credendo, che non sien suo' figliuoli, perchè non son neri, come elli.
Passav. c. 43. Lascio alle rane il gracidare, e a' corbi il crocidare.
E da CORBO SCORBACCHIARE, che è il ridíre i fatti di questo, e di quello, per istrapazzarlo. Lat. Alicuius facta divulgare.
Diciamo in proverbio Aspettare il corbo. La storia è nota per la Bibbia.