curiosita

CURIOSITA.

Passav. 220. Il primo si è curiosità, che è una disordinata vaghezza di sapere, udendo, e vedendo, e sperimentando cose disutili, e non necessarie.
Tes. Br. 7. 20. E questo vizio è chiamato curiositade, cioè, quando l' huomo mette tutta sua cura nelle cose, di che non ha prò, e tutto suo intendimento.
Vit. Crist. Tolga via ogni superbia, e che divelga la curiosità.