dedutto, e didotto

DEDUTTO, e DIDOTTO.

add. Lat. deductus.
Dan. Par. 13. Se fosse appunto la cera dedutta, E fosse il Cielo in sua virtù suprema, La luce del suggel parrebbe tutta. But. cioè, menata, e fatta molle.
E Dan. Par. 20. Ora conosce, con me il mal dedutto Dal suo bene operar. Buti cioè disceso.
Cr. 2. 27. 1. L' umor delle piove ne scenda fuora, per la china, o colle dolcemente didotto, e chinato per li lati, [cioè di poco pendío]