dimoranza

DIMORANZA.

dimora.
Bocc. g. 10. f. 3. E perchè alcuno la nostra lunga dimoranza gavillar non potesse.
G. V. 9. 352. 2. E in questa dimoranza tanto s' adoperò, ec.
Alber. cap. 63. In convertirsi a Domeneddio, e pentersi de' mali, la dimoranza è molto pericolosa.
¶ Per luogo, ove si dimora. Lat. mansio.
Com. Inf. 20. Ebbe una spelonca per sua dimoranza, sì scoperta d' ogni parte, che indi vedea liberamente il Cielo.