entramento

ENTRAMENTO.

L' entrare, e l' apertura onde s' entra. Lat. ingressus, introitus.
Cr. 1. 6. 2. Eleggasi un luogo, alquale, fuorchè per ordinato entramento, sia aspra, e greve salita.
Ovvid. Metam. Strad. Nell' entramento della quale narra, che abitava, ec.
Filoc. lib. 2. 233. E commuove con sottili entramenti le lievi arene.
Albert. c. 64. Questo secolo è quasi, come ponte non fermo, il cui entramento è 'l ventre della madre, e 'l cui uscimento è la morte di lui medesimo.