esemplo

ESEMPLO.

azione virtuosa, o viziosa, che ci si para davanti, per imitarla, o per isfuggirla. Lat. exemplum.
Bocc. introd. n. 15. Avendo essi stessi, quando sani erano, esemplo dato a loro. E num. 51. Acciocchè io prima dea esemplo a tutte voi.
G. V. 9. 184. 4. E di ciò avemo fatto menzione, ec. per esemplo per l' avveníre.
Pet. canz. 4. 1. Di ch' io son fatto a molta gente esempio.
¶ Per esemplato, e che è a similitudine.
Dan. Par. 28. Udir convienmi ancor, come l' esemplo, e l' esemplare non vanno ad un modo.
¶ Per uno degli strumenti, con che pruovano i retorici. Lat. exemplum.
Tes. Br. 8. 53. Esemplo è quello argomento, che mostra alcuna simiglianza nelle cose, per lo detto, e per lo comandamento, che l' huomo truova ne' libri de' savi: e però, ch' è avvenuto a' savi huomini, o alle cose di quella simiglianza.
Dan. Par. c. 1. Trasumanar significar per verba Non si poria, però l' esemplo basti.
¶ E materialmente, vale modello esemplare. L. exemplar, forma
Petr. Son. 127. In qual parte del Cielo in quale idéa, Era l' esemplo onde natura tolse.
Traduzioni

esemplo

ejemplo