fangaccio

FANGACCIO.

Peggio, che fango semplicemente.
Buti. E questa gente, fitti nel limo, cioè in quel fangaccio del palude, dicono, tristi fummo.
¶ Per metaf.
Sen. Pist. Infino a tanto, che l' huomo gli purga del lor fangaccio, e della lor ruggine [cioè lordura del vizio]
E questi nomi, a' quali s' aggiugne loro, ACCIO, quasi sempre, con tale aggiunto, denotano malvagità. Aggiunto a nome di buona significazione, lo fa di rea: se a quel di rea, la fa piggiore. E talora denota non malvagità, ma straordinaria grandezza, come GRANDONACCIO, BASTONACCIO.