furo

FURO.

Voce Lat. ladro, imbolatore Lat. fur.
Fr. Giord. S. Tu se furo, e ladro di quello, ch' è di Dio, che gliele imboli, anzi se furo della deitade.
Passav. 299. Non referendola a Dio, per certo tu se furo, e ladro.
Mor. S. Greg. Il furo, e 'l ladrone, sempre ama le tenebre.
Dan. Inf. c. 21. Con tanta fretta a seguitar lo furo. E can. 27. Disse questi è de' rei del fuoco furo.
Com. Inf. 25. Furo è quegli, che di notte toglie, e di di si sguarda.
E FURO, per FORO disse il Bocc. alla Pisana.
Bocc. n. 20. Il mal furo non vuol festa.