ganghero

ganghero

('gangero)
nome maschile
perno metallico per porte e finestre
figurato perdere la pazienza, il controllo

GANGHERO.

Due ferri sottili, con piegatura simile al calcagno delle forbici, che, inanellati insieme, servono per congiugnere i coperchj delle casse, e armari, e simili arnesi, su i quali si volgono.
Lib. Astr. E ingangherale, con gangheri di legno, e con colla di cuoio [cioè commettile]
Mor. S. Greg. Le nuvole son lo suo nascondiglio, e non considera le cose nostre, e va intorno alli gangheri del Cielo. Qui, cardini.
E ganghero, è un picciolo strumento di fil di ferro adunco, che serve per affibbiare, in vece di bottone, al quale alcuni dicono in Lat. uncinulus.
¶ Diciamo Dare un ganghero, proprio della lepre, che, sopraffatta dal cane, si schiaccia in terra, e volgesi indietro, detto dalla somiglianza, che ha quel rivolgimento con la forma del ganghero. Stare in gangheri, stare in cervello. Lat. esse apud se. E uscir de' ghangheri : il suo contrario. Lat. de scammate egredi.
Traduzioni

ganghero

quicio

ganghero

gond

ganghero

cardine, esser foras de se, perder le patientia

ganghero

[ˈgangero] sm (di porta) → hinge
uscire dai gangheri (fig) → to lose one's temper, go off at the deep end, fly into a rage
essere fuori dai gangheri (fig) → to be beside o.s. with rage