genia

genia

(dʒe'nia)
nome femminile
1. letterario discendenza familiare di nobile genia
2. spreg. insieme di persone disoneste una genia di ladri

GENIA.

Generazion vile, e abbietta. Lat. genus vile, familia abiecta.
Lib. viagg. Ed in quanto vi piaccia, si vi diroe di molte provincie, diversi paesi, e isole, che si truovano, e di molte geníe di genti, e fiere. E appresso. Sta cheto, e non parlar più, perocchè nella mia schiatta n' ha più, che nella tua genía.
M. V. 11. 101. Ser Vanni Botticella, anticamente, per genía di beccaio, s' offerse. ec.
Bern. Orlan. E pure è nera ancor la tua genía.
Morg. Non son guerrier costor, ma son genía.
E 'l Lasca nostro Accademico ne' suo' Mostri. Turba gente, o genía simile a questa Non fu giammai descritta in versi, o in prosa.
Traduzioni

genia

rabble, scum

genia

Genia

genia

Genia

genia

Genia

genia

Genia

genia

[dʒeˈnia] sf (pegg) → mob, gang