huomo


Ricerche correlate a huomo: menatore, villanie

HUOMO.

Animal ragionevole. Lat. homo, vir.
Bocc. Introd. n. 8. La cosa dell' huomo infermo stato, e morto di tale infermità, tocca da un' altro animale, fuori della spezie dell' huomo, non solamente, ec.
Petr. Son. 2. Come huom, ch' a nuocer luogo, e tempo aspetta.
G. V. 8. 64. 1. Huomo molto avveduto, e pratico, e di gran conoscenza, e memoria.
Dan. Purg. 23. Chi nel viso degli huomini legge omo. E Par. 3. Huomini poi a mal più che a bene usi.
Bocc. n. 31. 4. Veggendo molti huomini nella corte del Padre usare. E appresso. Il cui nome era Guiscardo, huom di nazione assai umile.
¶ Per ciascuno indeterminatamente, che anche diciamo ALTRI, o ALTRUI assolutamente.
Dan. Inf. 10. Sempre a quel ver, ch' ha faccia di menzogna, De' l' huom chiuder le labbra quanto puote.
Bocc. n. 79. 11. Le quali subitamente, perchè l' huom voglia, di tutto 'l Mondo vi son recate.
¶ Per marito.
Bocc. n. 72. 7. Io trovai l' huom tuo, che andava a Città.
¶ Per suddito, o altramenti dependente, e suggetto in alcuna cosa.
Bocc. n. 100. tit. Il Marchese di Saluzzo, da' preghi de' suo' huomini costretto di pigliar moglie. E nov. 100. 3. La qual cosa a' suo' huomini non piacendo.
Diciamo, buon' huomo, per modo di chiamare uno, non sappiendo il suo nome.
Bocc. n. 12. 12. Tosto, buon' huomo, entra in quel bagno, ilquale è caldo. E nov. 15. 22. Buon' huomo, se tu hai troppo bevuto, va a dormi.
E, huomo d' arme, huomo che attende al mestier dell' arme.
Bocc. nov. 19. 28. Tu ridi, perchè vedi me huom d' arme andar dimandando di queste cose femminili?
Dan. Inf. 27. Io fui huom d' arme, e poi fu' cordigliero.
E, huom di Corte, dicevano gli antichi, a huomini piacevoli, e motteggevoli, che frequentavan le Corti.
N. ant. 41. 1. Marco Lombardo fue nobil' huomo di Corte.
Bocc. n. 7. 3. E massimamente huomini di Corte d' ogni maniera.
E, huomo di tempo, vale attempato, di molta età.
N. ant. 4. 1. Cominciò a farlo nodrire intra savi huomini di tempo.
E, huomo di mondo, o del mondo, vale, che attende alle cose sensuali.
Pass. 33. Le quali gli huomini del Mondo biasimano, e fannosene scherno.
E, huomo d' anima, che attende alle cose spirituali.
Passav. 45. Il Conte, che era huomo d' anima, gradiva, ec.
E, huomo di sangue, huomo crudele, e ucciditore.
G. V. 4. 14. 5. Perchè era stato huomo di sangue.
¶ E, huomo di testa, caparbio, di sua opinione.
G. V. 6. 20. 4. Era col nome il fatto, huomo di testa, e di poco senno.
E, huomo dolce, di piacevole e buona natura.
G. V. 2. 12. Regnò nove anni e fu buono huomo, e dolce, e nutrì orrevolmente Carlo il Grosso.
E, huomo di ferro, di natura gagliarda, e robusta.
M. V. 11. 81. Annibale huomo di ferro, nel mezzo del Verno, passò gli altissimi gioghi delle montagne.
E, conoscere huomo, parlando metaforicamente di donna, vale aver congiugnimento carnale.
Bocc. n. 30. 5. E lei non aver mai conosciuto huomo, conobbe.
Lo stesso si direbbe ancora d' huomo, conoscer donna.
L' accrescitivo di questa voce HUOMO, è HOMACCIONE, più tosto, che HOMONE, sì come il diminutivo è HOMACCINO, anzi, che HOMINO.