lordura

LORDURA.

Lordezza.
Bocc. n. 32. 27. Per lo viso gittandogli, chi una lordura, e chi un' altra.
Tes. Br. 3. 5. Se ella è ben monda, e messa in cisterna ben lavata nettamente, senza alcune lordure, perciocchè ella ha meno d' umidóre.
¶ Per iscostumatezza, e disonestà.
Dan. Inf. c. 11. Ruffian, baratti, e simile lordure.
Traduzioni

lordura

мръсотия

lordura

crasse, saleté

lordura

jeg, murdărie

lordura

smuts