nassa

nassa

Trappola destinata alla cattura di pesci, crostacei e molluschi. Le nasse hanno la forma di gabbie o contenitori; sono fatte con vari materiali (legno, vimini, asticelle di metallo, rete, filo di ferro, plastica, ecc.) e presentano una o più aperture (entrate). Sono usualmente collocate sul fondo, con o senza esca, singole o in filari, collegate da cime (linee di gavitelli) per segnalare con boe la loro presenza in superficie.

nassa

('nas:a)
nome femminile
cesta di rami o fili intrecciati per catturare pesci nassa per le aragoste

NASSA.

Cestella, o rete da pescare, ch' abbia il ritroso. Lat. nassa.
Cr. 10. 37. 1. Anche de' vinchi si fanno nasse ritonde, e larghe, con l' entramento stretto, e di fuori ampio, che 'l dì, e la notte, con peso d' alcuna pietra, si lascia nel fondo dell' acqua, e hanno alcuna vite nella coda legato, con che si traggono.
Fior. d' Ital. D. Ma, non potendolo celare, prese una fiscella, cioè una nassa, e impeciolla, e impeciata, che l' ebbe, misevi il fanciullo.
E NASSA dicono gli speziali a certe ampollette di vetro tutte chiuse, fuorchè un beccuccio sottile, nelle quali tengono i liquori atti a svaporare, sì come elisir, e simili.
Traduzioni

nassa

creel

nassa

Kober, Reuse

nassa

naso

nassa

nasa

nassa

nasse

nassa

nassa, trappa piscatori

nassa

NASSA

nassa

NASSA

nassa

NASSA

nassa

NASSA

nassa

[ˈnassa] sf (per pesci) → fish trap; (per aragoste) → lobster pot