oziosita

OZIOSITA.

Accidia. Lat. *otiositas usa la scrittura.
Fior. Virt. A. Mon. Quando l' huomo non fa, non dice, non pensa fermamente, ma sta come un corpo morto, questa si è oziosità, ch' è molto grande vizio.
Lib. Sagram. E consumano il lor tempo in oziosità.
Fav. Esop. le loro operazioni non sono atte a fatica, ma grasse, per oziositade.
Cr. proem. n. 5. Imperocchè l' oziosità s' essercita, e 'l danno de' prossimi, cioè de' vicini, si schifa,
Serm. S. Agost. Per questa oziosità si perde il rigore, e la santità della vita solitaria, perocchè, quando rincresce l' orazione, per questa oziositade, siamo spesso tentati.
Amm. ant. L' oziosità è madre delle ciance, e matrigna delle virtù. E di sotto L' oziosità ha insegnata molta malizia.