per

per

(per)
preposizione
1. figurato introduce il complemento di moto attraverso luogo Il gatto è passato per la finestra. Che cosa ti passa per la testa?
2. indica il moto a / in direzione di un luogo Siamo partiti per Roma.
3. indica lo spazio circoscritto entro cui avviene il moto o si verifica un fenomeno correre per il parco avere i brividi per tutto il corpo
4. figurato introduce il complemento di stato in luogo Ci siamo incontrati per strada. L'ho visto per televisione.
5. nei confronti di qlcu / qlco Ha un grande affetto per sua nonna. avere avversione per la matematica
6. introduce il complemento di tempo indeterminato o continuato Ha parlato per tutto il viaggio.
7. indica un tempo / una scadenza determinati nel futuro Ritorneremo per la fine del mese. La scadenza è fissata per domani.
8. introduce il complemento di mezzo Me lo ha raccontato per telefono. mandare per postaper fax
9. esprime la causa È diventato rosso per la vergogna. Urlava per il dolore.
10. esprime lo scopo / il fine Lavora per mantenersi agli studi. Le lasciai una foto per ricordo. libro per bambini
11. introduce il complemento di vantaggio o svantaggio Farebbe qualsiasi cosa per lei. sostanza nociva per la salute
12. esprime la destinazione di qlco C'è posta per te.
13. introduce il complemento di limitazione Per me è come un figlio. Per questa volta ti perdono. Per quanto riguarda il viaggio, ti consiglio il treno.
14. introduce il complemento predicativo in qualità di Chi hai avuto per insegnante?
15. esprime il modo in cui si compie un'azione dire per scherzo raccontare per sommi capi chiamare per nome
16. introduce il complemento di prezzo, di stima e di pena Mi ha venduto la moto per 1000 euro. Sono stato multato per duecento euro.
17. introduce il complemento di misura o estensione Il parco si estende per due km. La torre si innalza per 100 metri.
18. indica ordine o distribuzione entrare uno per volta Abbiamo cercato stanza per stanza.
19. indica una percentuale Ci ha fatto uno sconto del dieci per cento.
20. matematic indica l'operazione di moltiplicazione Tre per due fa sei.
21. introduce un'esclamazione di rabbia o stupore Per carità! Per l'amor di Dio! Per la miseria!
22. indica uno scambio o una sostituzione Ti avevo scambiato per mio fratello. capire una cosa per un'altra
23. introduce il complemento di colpa Fu imprigionato per omicidio.
24. seguita da infinito introduce proposizioni causali, finali, consecutive È stato male per aver preso freddo. Ci ha telefonato per avvisarci. Siamo troppo stanchi per andare a ballare stasera.
25. entra nella formazione di locuzioni per caso per di più per forza per cui
essere sul punto di Stavo per uscire. Era lì lì per piangere.

PER.

Preposizion locale, che s' adatta co' verbi di moto. Lat. Per.
Dan. Purg. c. 1. Lasciami andar per li tuo' sette regni. E cant. 4. E tanto, che 'l suo andar ti sia leggiero, Come a seconda giù l' andar per nave. E cant. 5. Quando s' accorser, ch' io non dava loco Per lo mio corpo al trapassar de' raggi.
Petr. Son. 82. Pianse per gli occhi fuor, sì come è scritto. E canz. 3. 6. Ch' Apollo la seguia quaggiù per terra.
G. V. 7. 144. 5. La quale gli entro per nelle congiunture delle corázze.
Dan. Inf. 32. Non so, ma passeggiando per le teste.
Bocc. n. 1. 15. E a lui non andava per la memoria, chi, ec. E nov. 14. 5. Le cocche per Ponente vegnendo, fer vela, E nov. 93. 4. A chi andava, e veniva, per quindi.
Co' verbi di stato vale IN. Lat. in.
Bocc. Introd. n. 6. Le quali, nelle braccia, e per le cosce, ec. apparivano a molti. E num. 24. Per le sparte ville, e per li campi, ec. per le vie, e per li loro colti, e per le case di dì, e di notte, ec. moriéno.
Dan. Par. 2. La virtù mista per lo corpo luce, Come letizia per pupilla viva.
Petr. canz. 18. 3. Che 'l sangue vago per le vene agghiaccia.
Dan. Purg. 7. Rade volte risurge per li rami, L' umana probitate.
¶ In vece di DA.
Dial. S. Greg. M. Quel sasso non si potrebbe muovere per cinquanta paia di buoi.
Bocc. proem. n. 4. Ho meco stesso proposto di volere in quel poco, che per me si può, ec. E introd. n. 52. Che per Pármeno loro saranno imposte.
Non rimase per me, che più comunemente, Non restò da me. Lat. per me non stetit.
Bocc. n. 26. 20. Inquanto per te non è rimaso, che, ec. E nov. 27. 21. Per voi non rimase, ec. che egli non s' uccidesse. E nov. 44. 2. Per me non istarà mai cosa, che a grado ti sia.
Per cagione, per amore, in grazia, a richiesta. Lat. causa.
Dan. Purg. c. 1. E per essere in parte, Ove adorezza, poco si dirada. E cant. 2. Tragge la gente per udir novelle.
Bocc. n. 18. 35. Gli facesse dar da mangiare, per Dio.
Petr. canz. 18. 5. Felice l' alma, che per voi sospira.
G. V. 9. 77. 5. E volendo esser recato vivo in palagio a vedere a' Priori, che allora erano, per maraviglia.
Bocc. proem. 2. Non per crudeltà della donna amata, ma per soverchio fuoco nella mente concetto. E nov. 16. 35. Io farei per Currado ogni cosa.
¶ Per in vigore. Lat. vi.
Dan. Purg. c. 1. Più muover non mi può, per quella legge.
Bocc. proem. 3. Diede per legge incommutabile a tutte le cose mondane aver fine.
¶ Per mediante, per mezzo. Lat. ob, per.
Dan. Purg. c. 1. Per li cui preghi, Della mia compagnía costui sovvenni. E cant. 3. Che qui per quei di là molto s' avanza.
G. V. 8. 52. 1. Si rubellò a' Fiorentini il Castello, ec. Per Carlino de' Pazzi. E cap. 86. 2. Il patteggiaro co' Fiorentini, per mano di Mess. Geri Spini.
¶ In vece di, come, In luogo. Lat. ut, loco.
Dan. Purg. c. 1. Che 'n vista ancor ti prega, O santo vecchio, che per tua la tenghi. E cant. 29. E 'l dolce suon per canto era già inteso.
N. ant. 35. 9. Sì come egli era, per lo più cortese Signor del Mondo.
Bocc. n. 1. tit. In morte è riputato per santo. E num. 6. E per Ciappelletto era conosciuto per tutto. E nov. 15. 13. Ebbe ciò, ch' ella diceva più che per vero.
¶ Per In vece, in cambio, in ricompensa. Lat. pro.
Dan. Purg. 3. Per ogni tempo ch' egli è stato trenta, In sua prosunzione. E Par. 4. Non è l' affezion mia sì profonda, Che basti a render voi grazia per grazia.
Bocc. n. 18. 42. Maravigliosamente da lui, per ognuno guiderdonato sarebbe.
Petr. Son. 250. E degli amanti più ben per un cento.
Bocc. n. 28. tit. Dico adunque, com' un vivo, per morto, seppellito fosse, e come poi, per risucitato, e, non per vivo, egli stesso, e molti altri, credessero, ec.
¶ Per Col, denotante strumento.
Caval. med. cuor. Lo quale nello 'nferno tormenta l' anime per fuoco.
¶ In vece di Con tempo, dentro allo spazio.
Boc. Introd. n. 50. A ciascun per un giorno s' attribuisca il peso, e l' onore. E num. 55. Acciocchè per lo fresco si mangi. E num. 57. Per questa prima giornata, voglio, ec.
¶ In vece di Quantunque, benchè. Lat. etiamsi, quamvis.
Bocc. n. 61. 8. Ella non ci può per potere, ch' ell' abbia nuocere.
¶ In vece Da lato di, modo comune a' Greci: di madre, cioè da lato di madre.
Bocc. n. 18. 38. Egli son per madre discesi da paltoniere.
G. V. 4. 10. 1. E di loro per donna nacquero tutti i Conti Guidi.
¶ E talora nota di distribuzione.
Bocc. n. 99. 8. Fattesi venire, per ciascuno, due paia di robe. E nov. 52. 8. E di questo, un mezzo bicchier per huomo, desse alle prime mense.
¶ In vece di Per tutto, cioè, in ogni luogo. Lat. ubique.
Bocc. Introd. n. 15. Quasi abbandonati per tutto languíeno.
Per giorno, cioè ogni giorno. Lat. singulis diebus.
Boc. Introd. n. 21. A migliaia per giorno infermavano.
Per ventura, per caso, cioè, a caso, a ventura, impensatamente. Lat. forte, forte fortuna.
Bocc. n. 30. Non già da alcuno proponimento tirate, ma per caso, ec. adunatesi.
Per parte di, cioè, in nome di. Lat. alicuius nomine, verbis alicuius.
Bocc. Introd. n. 45. E pregógli, per parte di tutte.
Per me, cioè, quanto è a me. Lat. ego quidem.
Petr. canz. 17. 3. Sì forte, ch' io per me dentro nol passo.
Dan. Inf. 3. Ne fur fedeli a Dio, ma per se foro [cioè: furon da per loro, non seguitando veruno]
N. ant. 35. 2. Elli, per se, non avea avuto impedimento di sua persona [cioè non s' era fatto male]
Per mio avviso, Secondo ch' io stimo: Lat. mea quidem sententia.
Dan. Purg. 13. Credo, che l' udirai, per mio avviso.
Per pezzi, cioè a pezzi. Onde, Tagliar per pezzi, lat. trucidare, obtruncare.
G. V. 7. 3. 14. Noi gli taglieremo tutti per pezzi.
Per comune, cioè in comune.
G. V. 7. 21. 2. I fiorentini vi cavalcarono, per comune, in mezzo Luglio.
Tornar per anche. Lat. resumere, tornare per li pensieri, cioè tornare a ripigliare.
Dan. Inf. c. 31. Mettetel sotto, ch' io torno per anche.
Bocc. Introd. n. 48. Per li miei pensieri mi ritorni, ec.
Per modo, in modo, sì che, tanto che, talmente. Lat. ita, adeo.
Bocc. n. 14. 10. Il percotesse forse per modo, che gli noiasse.
Per modo di, quasi a. Lat. prope ad.
Bocc. n. 49. 8. Per modo di diporto, se n' andò alla piccola casetta.
Per quanto egli avrà caro, cioè secondo che egli stima. Lat. quantifacit.
Bocc. Introd. n. 53. Per quanto egli avrà caro la nostra grazia, ec. si guardi.
Andar pe' fatti suoi, cioè andare a far le sue faccende, non badare. Lat. ire curatum res suas.
Bocc. n. 15. 34. Egli se n' andranno pe' fatti loro.
Cader per mano, Venire in acconcio. Lat. usu venire.
Bocc. n. 80. 4. Secondo che lor cade per mano.
Veníre, o andar per legato : venire, o andare, ad esercitar l' uficio della legazione. Lat. legationis munere fungi.
Bocc. n. 84. 3. Esser per legato del Papa venuto un Cardinale.
Aver per niente Non istimar punto. Lat. nihili pendere.
Bocc. n. 11. 11. Quasi per niente avesse quella presura.
Aver per moglie : esser congiunto in matrimonio con una donna. Lat. habere uxorem.
G. V. 6. 1. 2. Ebbe per moglie Gostanza Reina di Cicilia.
Mandar per uno : mandarlo a chiamare, che venga a te. Lat. aliquem accersere.
Mandar per una cosa, mandarla a pigliare.
Bocc. n. 11. 13. Impetrò, che per martellino fosse mandato, e così fu, il quale, coloro, che per lui andarono, ec.
¶ E preposto allo 'nfinito, col verbo ESSERE, gli da forza di quello, che, comunalmente si chiama, il quarto modo del participio, come: son per amare, son per ritrarmi, che anche si dice, Io ho a ritrarmi, io ho ad amare. Lat. facturus sum, amaturus sum.
Bocc. n. 1. 9. Io son per ritrarmi del tutto di qui.
Petr. Son. 64. E son per amar più di giorno in giorno.
Bocc. Introd. n. 34. I cotali son morti, e gli altrettali son per morire [cioè moribundi, in atto di morire]
¶Usiamo frequente. Egli sta per cadere, egli è stato per morire, e' fu per andare cioè. E' porta pericolo di cadére, ha corso risico di morire, E' mancò poco, ch' e' non andò. Lat. Parum ab fuit quin caderet.
Traduzioni

per

für, also, daher, darum, deshalb, durch, gewissermaßen, kraft, lange, mit, mittelst, Schwieger‐, vermittels, wenigstens, zum Beispiel, um, verantwortlich zeichnen, per, zu

per

for, by, through, with, per, times, to, a long time, at least, by marriage, by means of, for a long time, for example, for instance, for the greater part, for the most part, fortunately, ‐in‐law, long, on, on that account, so to speak, therefore, unfortunately, account, behalf, in order to/that, it's pouring with rain, of, on account of, on sale, order, out of, over, sake, there's nothing to it, though, towards, listen, via

per

por, para

per

за, за да, из, по, поради, през, при, с, чрез

per

a, per

per

pro, abychom, během, do, po, skrze, za, místo, na

per

for, til, af, I

per

dum, frue, laŭ, per, po, por, pro, tra

per

az, barâye, zarbdar

per

per, pro

per

per

per

ajutorul (cu ajutorul), către, cu, pentru, prin

per

i, med, åt, för, till

per

ili

per

bi, waaste

per

jollekin, jtkn varten, varten

per

za

per

・・・のために, ・・・のための

per

...을 위하여, ~을 위해

per

voor

per

for, til

per

เพื่อ, เพื่อ ให้แก่, ไว้สำหรับ

per

cho, dành cho, được dùng để