pigione

PIGIONE.

Prezzo, che si paga, per uso di casa, o d' altra abitazione, che non sia sua. Lat. pensio.
Bocc. n. 60. 8. In ogni luogo vuol pigliar moglie, e tor casa a pigione.
Com. Inf. c. 17. Posso licitamente domandare il numero della Signoría, sì come pigione.
Vit. S. Padr. Comandógli, che da quel taverniere, che avea detto ingiuria al suo nipote, non togliesse, ne gabella, ne pigione.
Stare a pigione, abitar casa non sua: e per metaf. di tutte le cose, o mal collocate, o fuori del proprio luogo.
Bocc. n. 20. 19. Andate, e sforzatevi di vivere, chè mi pare, anzi che no, che voi ci stiate a pigione, sì tisicuzzo, e tristanzuol mi parete.
Bern. rime. Una brachetta attaccata a pigione, che pare appunto un naso di montone.
Di qui APPIGIONARE che è dare, o allogare a pigione: onde il proverbio. Chi imbianca la casa, la vuole appigionare, che si dice delle femmine, che troppo, e oltre al convenevole, s' azzimano, e raffazzonano, prendendosi in mala parte. Lat. mulier, os exornans, animum deformem indicat. Flos. 371.
Traduzioni

pigione

rent

pigione

alquiler

pigione

location, precio del location

pigione

kira

pigione

[piˈdʒone] sfrent