pravita

PRAVITA.

Astratto di pravo: malignità, malvagità. Lat. pravitas, malitia.
G. V. 10. 69. 2. Trovato in quel peccato dell' eretica pravità.
Mor. S. Greg. Abbandonando le tenebre della pravità sua, e convertendosi in quello splendore del lume eterno. E appresso. Come diceva Salamone in persona della femmina, la quale portava figura di questa eretica pravità.
Cavalc. Med. cuor. E non può venire la mente a sottigliezza, e purità, se non la rade e purifica la lima dell' altrui pravità.