rigoglio

RIGOGLIO.

Ardire cagionato da confidenza propria, o da autorità data da altrui. Lat. audacia, fastus, superbia.
M. V. 9. 2. O perchè loro paresse stare oziosi, non faccendo qualche male, o per rigoglio, come erano usati.
¶ Per orgoglio, superbia.
Passav. 263. Parla di soperchio con parole di rigoglio.
¶ Rigoglio si dice al soprabbondante vigor delle piante, che spesse volte impedisce loro il fruttificare. Lat. luxuries.
E allo sfogo delle volte.
Traduzioni

rigoglio

luxuriance, prime

rigoglio

lozanía

rigoglio

/gli [riˈgoʎʎo] sm (di piante) → luxuriance
essere in pieno rigoglio (fig) (commercio, svillupo) → to be thriving