ritondo, e rotondo

RITONDO, e ROTONDO.

Senza niuno angolo, situato, o composto in giro. L. rotundus.
Bocc. g. 6. f. 8. Così era ritondo, come se a festa fosse stato fatto.
G. V. 1. 38. 4. E sopra le mura della Città edificò torri ritonde molto spesse. E lib. 10. 111. 2. Assai era grazioso, di bella faccia ritonda.
Dan. Par. 14. Muovesi l' acqua in un ritondo vaso.
Petr. cap. 11. Dì, e notte rotando, per la strada rotonda, ch' è infinita.
Tes. Br. 2. 35. In alcuna forma, che potesse tante cose sostenere, ne comprendere, come quella, ch' è ritonda.