rubare

rubare

(ru'bare)
verbo transitivo
figurato anche assol. prendere illecitamente ciò che appartiene ad altri rubare un portafoglio rubare il fidanzato all'amica rubare un'idea L'hanno beccato a rubare.
percepirlo senza meritarselo
svolgere indebitamente i suoi compiti

RUBARE.

Tor l' altrui, o per inganno, o per violenza. Lat. furari, surrepere, rapere.
Bocc. nov. 14. 12. Diessi a rubar la roba d' ognuno.
Bocc. nov. 45. 13. La cui casa stata fosse quella, che Guidotto aveva rubata. E nov. 42. 3. Cominciò a costeggiar la Barberia, rubando ciascuno, che meno poteva di lui.
G. V. 4. 14. 4. E rubavano la Chiesa, e le sue posessioni. E lib. 12. 51. 4. Rubandosi i cammini, sanza niuno ordine di giustizia.
Dan. Par. c. 11. E chi regnar per forza, e per sofismi, E chi rubare.
¶ Per metaf.
Dan. Purg. 17. O immaginativa, che ne rube.
¶ In proverbio. Andare a rubare a casa il ladro, cioè, mettersi a ingannare, chi è più tristo di lui. Lat. in Cilicas piraticam exercere.
Traduzioni

rubare

stjäla

rubare

roubar, furtar

rubare

грабя, задигам, крада, летя, нося се, обирам, пипам, скубя

rubare

krást, ukrást

rubare

stjæle

rubare

ŝteli

rubare

bâlâ kešidan, dozdidan, robudan [robây-]

rubare

furar, robar

rubare

vogti

rubare

ukraść

rubare

zbura

rubare

iba, inzi, poka

rubare

çalmak

rubare

varastaa

rubare

ukrasti

rubare

盗む

rubare

훔치다

rubare

stjele

rubare

ลักขโมย

rubare

ăn cắp

rubare

偷窃

rubare

לגנוב

rubare

[ruˈbare] vt rubare (qc a qn) (gen) → to steal (sth from sb) (fig) (idea, affetti, posto) → to steal (sth from sb), take (sth from sb)
gli hanno rubato tutto → they robbed him of everything
rubare il mestiere a qn → to do sb out of a job
posso rubarti un minuto? → can I steal a minute of your time?
mi hai rubato le parole di bocca → you've taken the words right out of my mouth