uno

uno

('uno) maschile

una

(a) femminile
articolo indet. singolare al maschile diventa "un" davanti a vocale o consonante che non sia "s"+consonante, "z", "x", "pn", "ps", "gn", "sc"
1. indica persona, animale o cosa non determinata, generica Vuoi una caramella? Ha telefonato una tua collega. Un giorno capirai.
2. premesso a una determinazione di quantità indica numero o quantità approssimativa un paio di giorni
una piccola quantità indeterminata

uno


aggettivo num.card. al maschile diventa "un" davanti a vocale o consonante che non sia "s"+consonante, "z", "x", "pn", "ps", "gn", "sc" femminile una ('uno)
corrispondente a un'unità Tra una settimana partiamo per le ferie. Ci sono stato una volta sola.

uno


pronome indeterminativo
singolare femminile una ('una) , plurale maschile uni ('uni) , plurale femminile une ('une)
1. una certa persona C'è uno che ti cerca. È una molto intelligente.
2. con valore impersonale una persona in generale Se uno vuole, ce la può fare
3. correlato con "l'altro" una persona / cosa Gli uni o gli altri non fa differenza. Sia l'uno che l'altro abitano nel mio palazzo.
vicendevolmente accusarsi l'un l'altro
4. con significato partitivo uno qualunque Dammene uno, quello che preferisci. Passo da te uno di questi giorni.
uno per volta

uno


nome maschile
il numero che equivale a un'unità e il simbolo che lo rappresenta Uno più due fa tre.

UNO.

In signif. d' un solo.
Dan. Par. 2. E que', fuorch' uno, Seguiterieno a tua ragion distrutti.
Petr. Son. 202. E caramente accolse a se quell' una.
Bocc. nov. 2. 7. Ma recando le molte parole in una.
G. V. 1. 26. 2. Borghi, e villate, ec. ma i detti la recaro in una, a guisa di città.
M. V. 10. 24. Gli mosse a congiura, e, in una, a cercar de' modi [cioè in una concordia]
Recare in uno, mettere a comune.
Bocc. nov. 33. 8. Dove voi vogliate recar le vostre ricchezze in uno, e me, ec.
¶ Per un certo, indefinitamente.
Bocc. nov. 98. 23. Un dì nella camera chiamatala.
¶ Per un medesimo.
Dan. Rim. Amore, e 'l cor gentil sono una cosa.
Bocc. nov. 77. 37. Ad un' ora aveva piacere, e noia nell' animo.
G. V. 4. 6. 1. I Fiesolani si feciono d' un popolo, co' Fiorentini.
Ad una voce, concordemente.
Boc. Introd. n. 50. E ad una voce, ec. lei, elessero.
Dan. Purg. 4. In questo significato, lasciò VOCE.
Dan. Purg. 4. Venimmo dove quelle anime ad una. Gridaron noi. E cant. 21. Perchè tutti ad uno Parver gridare.
¶ E UNO, accompagnato con ALTRO, sì in singulare, come in plurale, riferendo due cose mentovate, l' uno val, PRIMO, l' altro, SECONDO.
Bocc. nov. 17. 48. Che le mie cose, ed ella ti sieno raccomandate, e quello dell' une, e dell' altra facci, che credi, ec.
Fiamm. lib. 5. 93. Immaginai di voler fare, sì come i Saguntini, e gli Abidéi, gli uni tementi Annibale Cartaginese, e gli altri Filippo Macedonico.

UNO.

Accompagnanome. Vedi Salv. Avvert.
Bocc. nov. 84. 3. Quantunque in molte altre cose, male insieme di costumi si convenissero, in uno, ec. tanto si convenivano, che amici n' erano divenuti. E nov. 68. 7. Ora era Arriguccio, con tutto che fosse mercatante, un fiero huomo, e un forte.
Petr. Son. 206. Deh fosse quì quel miser pure un poco. E Son. 208. Bel dono è d' un' amante antico, e saggio.
¶ E talora, pure accompagnanome, ma numerale, vale intorno, o circa. Lat. circiter, plus, minus.
Bocc. Introd. n. 19. da un dieci, o dodici de' suoi vicini accompagnati. E n. 80. 5. Che potevan valere un cinquecento fiorin d' oro. E n. 79. 14. Senza che, quando noi vogliamo un mille, o un dumila fiorin d' oro, noi non gli abbiamo.

UNO.

Nome numerale, principio di numero. Lat. unus.
Bocc. n. 1. Avendogli serbati bene un' anno. E nov. 73. 4. Avevasi un' oca a denaio, e un papero giunta. E nov. 15. 28. Tu ne potresti così riavere un denaio, come avere delle stelle del Cielo.
L' un per l' altro, questo per quello, o l' uno, in cambio dell' altro.
Bocc. nov. 60. 21. Le quali son sì simiglianti l' una all' altra, che spesse volte mi vien presa l' una per l' altra. E altrove. Vada l' un per l' altro.

UNO.

In vece di ciascuno. Lat. singuli.
Bocc. lett. Niuno altro guernimento portarono, ec. che un poco di farina per uno, con alquanto lardo. E n. 63. 6. Senza aver quattro cappe per uno, ec.
Traduzioni

uno

un

uno

еди-кой си, един, едно, някого, някое, някой, някой си

uno

u, un

uno

jeden, jedna

uno

en, man

uno

iu, unu

uno

vâhed, yek ①, yek ②

uno

un, uno

uno

vienas

uno

un, unul

uno

man, en

uno

bir , bir, birisi

uno

yak

uno

yksi

uno

jedan

uno

一, 一つ

uno

1, 하나

uno

en, man

uno

um

uno

คนหรือสิ่งหนึ่ง, หนึ่ง

uno

một