avaccio

AVACCIO

avverb. avacciatamente. Lat. citò, celeriter.
Fr. Giord. Gli legami s' incominciaro a scioglier, per lor medesimi, per tal modo, e in tal fretta, che da huomo, così avaccio, non si sarebbon potuti sciorre.
Albert. cap. 25. Proprietà è di colui, che da volentieri, di dare avaccio. E appresso. Alla cupiditade ogni avaccio è tardi.
Liv. M. le spie tornarono assai avaccio, e recaro novella, ec.
Dan. Inf. c. 10. Perch' io pregai lo spirito più avaccio. E Par. c. 16. E cieco toro più avaccio cade, Che cieco agnello.

AVACCIO

add. presto, sollecito. Lat. celer, velox.
Valer. Mass. Sì appare, adunque, con quanto avaccio passo la lussuria ha discorso.
Accademia della Crusca © 1612