bene

Ricerche correlate a bene: bebe, nota bene

bene

('bɛne)
avverbio
1. in modo giusto e retto comportarsi bene
onesto, educato È un ragazzo per bene.
2. nel modo corretto, come si deve lavoro ben fatto
3. in modo soddisfacente dormire bene mangiare bene
a. essere in buona salute Stiamo tutti bene. Non sto bene.
b. essere benestante È gente che sta bene
c. essere conveniente o appropriato Non sta bene dire queste cose.
d. meritarsi qlco di spiacevole Ti sta bene!

a. essere adeguato Questo vestito non va bene per l'occasione.
b. essere della giusta misura Queste scarpe non le vanno più bene.
c. riferito a vicenda, avere esito positivo Per questa volta ci è andata bene.

d'accordo! - "Vieni con noi?" - "Va bene!"
in un modo o nell'altro Bene o male siamo arrivati.
4. in modo chiaro e distinto vedere bene sentire bene
5. rafforzativo addirittura Ne ho acquistati ben tre.
con ogni cura, nei minimi dettagli Ha pulito tutto ben bene.

bene


aggettivo invariabile segue il nome
socialmente elevato gente bene locali bene

bene


interiezione
1. esprime approvazione, entusiasmo Bene, bravo!
2. si dice per iniziare o terminare un discorso Bene, direi che abbiamo finito.

bene

('bɛne)
nome maschile
1. solo sing. ciò che è buono e giusto distinguere il bene dal male
2. solo sing. opera buona, azione altruistica fare del bene agli altri opere di bene
3. effetto positivo per qlcu L'ho fatto per il vostro bene.
essere salutare Bere molta acqua fa bene alla salute.
con le migliori intenzioni bugia a fin di bene
4. solo sing. sentimento di affetto
amarlo
5. ciò che soddisfa determinati bisogni beni di consumo beni materiali
6. spec. pl. cosa di valore i beni di famiglia
non trasportabile, come la casa
opere d'arte di valore

BENE.

universalmente è quello, che da tutte le cose è disiderato. Lat. bonum.
Dan. Par. 26. un s' appellava in terra il sommo bene, Onde vien la letizia. E Purg. 17. Altro bene è, che non fa l' huom felice. Non è felicità non è la buona Essenza d' ogni ben frutto, e radice. E di sopra. Ma quando al mal si torce, o con più cura, o con men, che non dee, corre nel bene. E Inf. c. 6. Più senta il bene, e così la doglienza. E can. 2. ch' hanno perduto il ben dello 'ntelletto. E can. 1. Ma per trattar del ben, ch' io vi trovai, dirò ec.
Petr. Son. 12. che mentre il segui al sommo ben t' invita.
Boc. Introd. n. 52. Per lo qual di bene in meglio procedendo, la nostra compagnia ec. viva, e duri. E n. 26. 22. Voi sapete, che la gente è più acconcia a credere il mal, che 'l bene.
¶ Per tutto ciò, ch' è d' utile, e giovamento. Lat. commodum utilitas.
G. V. 1. 1. 2. l' avversitadi sostengano, a bene, e stato della nostra Repub. [cioè sicurezza, pro, ed esaltamento]
Bocc. n. 30. 11. E molto bene ne può nascere, e seguíre.
Bocc. n. 65. 14. Che non gli trarrebbe del capo tutto 'l mondo, che per altro, che per male ci si venisse, e non avrei ben con seco quest' anno [cioè ne quiete, ne pace]
¶ E Voler bene, portare affezione. Lat. benevolentia prosequi.
Bocc. n. 79. 22. E dicovi ancora così, che se altro non mi vi facesse voler bene, sì vi vo' bene, perchè veggo, ec. E n. 67. 7. Deh dillomi, per quanto ben tu mi vuogli. E n. 19. 33. Tanto è 'l bene, e l' amore, che 'l marito, e l' amico le porta, che ec.
¶ Per opere buone. Lat. bona actio.
Dan. Inf. c. 5. A' voti manchi sì con altri beni.
Bocc. n. 9. 2. Egli era di sì rimessa vita, e da sì poco bene, che ec.
¶ Per ricchezze, facultà, posessioni.
Dan. Inf. c. 7. De' ben, che son commessi alla fortuna.
G. V. 9. 156. 1. Iuda Scariot, era camarlingo, e spenditore de' beni, loro dati per Dio.
Pigliar per bene, cioè in buona parte. Lat. aequi bonique facere.
Vit. Plut. E Cato pigliò per bene la cortesia della gente.

BENE.

avverbio. Ed ha molti de' significati, che ha, bene, add.
Bocc. n. 1. 17. Il santo huomo disse, che molto gli piacea, e ch' egli dicea bene. [cioè il vero] E num. 15. Io acconcerò i fatti vostri, e i miei in maniera, che starà bene. [cioè acconciamente] E n. 7. 8. E vennegli sì ben fatto, che, avanti l' ora di mangiare, pervenne, ec.
Dan. Inf. c. 1. Io non so ben ridír, com' io v' entrai. E Purg. c. 5. Cosa ch' io possa, spiriti, ben nati [cioè felicemente.]
E Ben nato, l' usiamo per. Di buon parentado, nobile.
Bocc. n. 24. 10. Seco sempre arrecando e ben da mangiare, e ben da bere [cioè abbondantemente, e del buono] E n. 50. 10. [detto ironicamente] E certo io starei bene, se tu alla moglie d' Ercolano mi volessi agguagliare. E g. 6. p. 5. Frate, bene starebbono, s' elle s' indugiasser tanto.

BENE.

particella riempitiva, che, ben collocata, accresce forza al favellare, significando tal volta MOLTO, CERTAMENTE, MAI SI, INCIRCA. e simili.
Bocc. n. 11. 10. Subitamente udito questo, ben dodici de' sergenti corsero là. E di sopra. E gli è qua un malvagio huomo, che m' ha tagliata la borsa, con ben cento fiorin d' oro. E n. 8. 8. Ma se vi piace, io vene insegnerò bene una. E n. 88. 4. Non vi verra' tu? Ben fai, ch' io vi verrò.
Petr. Son. 2. E punire in un dì ben mille offese. E son. 56. Dirai s' io guardo, e giudico ben dritto.
Boc. n. 73. 5. Dunque dee egli esser più là ch' Abruzzi. Si bene, rispuose Maso.
E SI BENE, lo diciamo anche, per, Della buona voglia, Di grazia, Molto volentieri, in risposta, a chi domanda qualche servigio, ch' altrui voglia compiacernelo. Talvolta si mette nel principio del periodo, avanti allo 'nterrogativo.
Bocc. n. 72. 8. Bene Belcolore, demi tu far sempre morire a questo modo? E n. 77. 11. La Donna allora disse al suo amante. Ben che dirai?
Traduzioni

bene

благо, владение, добре, добрина, добро, хубаво

bene

bene

fajn, dobře, výborně, zdravý

bene

godt, flot, fint, rask

bene

bieno

bene

kheir, khub, mâl

bene

ben

bene

gerai

bene

bine, mult, multe, mulţi

bene

bra, gott, jo, fint, väl

bene

salama, taibu, vyema

bene

iyi, mal, pekala

bene

hienosti, hyvin, terve

bene

dobro, zdrav

bene

申し分ない, 申し分なく, 見事に

bene

건강한, 잘

bene

bem

bene

ดี สุขสบาย, สบายดี, อย่างชำนาญ

bene

khỏe mạnh, tốt