coltivare, e cultivare

COLTIVARE, e CULTIVARE.

esercitar l' agricoltura. Lat. colere.
Boc. conclus. n. 9. Niun campo fu mai sì ben cultivato, che in esso, o ortica, o triboli, o alcun pruno non si trovasse mescolato tra l' erbe migliori.
Cr. 2. 8. 5. Ogni pianta dimestica, che si lascia di coltivare, divien salvatica, e ogni salvatica si dimestica, quando si cultiva.
E per similitudine.
Dan. Purg. 14. Che dentro a questi termini è ripieno Di Venenosi sterpi, sì che tardi. Per coltivare altrui verrebber meno.
Petr. canz. 18. stan. 7. Io, per me son quasi un terreno asciutto, Colto da voi. E cap. 10. Che s' è mal culta, mal frutto produce.
Filoc. lib. 1. 18. Sacerdotesse di Diana, ec. coltivavano tiepidi fuochi.
¶ Per venerare. dal Lat. colere.
G. V. 8. 35. 5. Volea esser libera di potere adorare, e coltivare il nostro Giesù Cristo.