costumato

costumato

(kostu'mato)
aggettivo
letterario bene educato modi costumati

COSTUMATO.

di bei costumi, ben creato. Lat. benemoratus, moratus.
Bocc. n. 8. 3. Arrivò a Genova un valente huomo di Corte, e costumato. E nov. 5. 6. Gli parve bella, valorosa, e costumata. E nov. 41. 11. Egli riuscì il più leggiadro, e 'l meglio costumato, e con più particolar virtù, che altro giovane alcuno.
Albert. cap. 60. Spezialmente si pertiene all' animo ben costumato d' allegrarsi delle allegrezze, e dolersi delle tristizie.
¶ Per usato, avvezzo, assuefatto. Lat. assuetus.
G. V. 7. 37. 3. E massimamente nell' oste de' Cristiani, non costumati all' aria. E cap. 130. 4. E tutta gente costumata in arme, e in guerra.
M. Cino Rim. Amor così son costumato teco, Che l' allegrezza non so che si sia.
Traduzioni