dignissimo

DIGNISSIMO.

superl. di degno. Lat. dignissimus.
Bocc. n. 31. 20. Assai sovente li non degni ad alto leva a basso lasciando i dignissimi.
G. Vill. 12. 108. 3. Come dignissimo capo della tua schiatta.
Petr. Son. 155. Che d' Oméro dignissima, e d' Orféo, O del Pastor, ch' ancor Mantova onora.