dilegiato

DILEGIATO.

da DI, e LEGGE, senza legge, fuor de' termini delle leggi, scorretto, sfrenato, scostumato. Lat. ex lex, effraenus, impudens.
G. V. 7. 144. 3. E non potendogli avere da' Signori, e Comuni, per cui v' erano, parte di loro huomini dilegiati, e senza ragione.
Passav. 134. Non sia ebbriaco, non masnadiere, non secolaresco, non mondano, non riottoso, non dilegiato.
Con doppia g. secondo l' analogia, parrebbe, che stesse meglio, ma fa equivoco.
Accademia della Crusca © 1612