gettare, e gittare

GETTARE, e GITTARE.

Rimuover da se, con men violenza, che non è trarre. Lat. iacere, emittere.
Bocc. n. 43. 14. Gittò la sua lancia nel fieno. E n. 64. 11. Egli mi credette spaventare, col gittar non so, che nel pozzo.
Bocc. n. 43. 12. In su un lor letticello, con loro insieme, a giacer si gittò [cioè si pose]
Petr. canz. 9. 4. Gettan le membra, poichè 'l Sol s' asconde, Sul duro legno [cioè vi posano]
Bocc. n. 32. 9. Le si gittò davanti inginocchioni, e disse [cioè si pose]
¶ Per avventarsi, correr con impeto a una cosa, quasi precipitandosi. Lat. impetu ferri.
Bocc. n. 17. 7. In mare gittarono un paliscalmo, e sopra quello, ec. si gittarono i padroni. E n. 12. 7. La donna, ec. prestamente gli si gittò nelle braccia.
¶ Talora lo stesso, che scagliare, e trarre.
Bocc. n. 32. 27. Per lo viso gittandogli chi una lordura, e chi un' altra.
¶ Per versare, spargere, mandar fuora. Lat. effundere.
Bocc. n. 76. 14. Cominciò a gettar le lagrime, che parevan nocciuole.
¶ Per metaf.
Bocc. n. 85. 6. Alcuna volta guatava lui, alcun sospiretto gittando. E n. 10. 3. Quello rossore, che in altrui ha creduto gittare, sopra se l' ha sentito tornare.
¶ Per apportare, arrecare, fare, cagionare. Lat. afferre.
M. V. 2. 44. Avvennono in questi anni, singulari diluvj d' acque, che feciono in molte parti gran danni, e gittò per tutta Italia general carestía.
¶ Per gettare a terra, abbattere, rovinare, spiantare. Lat. diriruere superare.
Dan. Inf. c. 27. Fin' or t' assolvo, tu m' insegna fare, Sì come Penestrino in terra getti.
¶ Gittar via, è rimuover da se che che sia, come inutile, superfluo, dannoso, noioso. Lat. Proijcere.
Bocc. n. 93. 14. Gittata via la spada, la qual già, per ferirlo, aveva tirata fuori.
E 'l medesimo diciamo, per mandar male, o, dar le cose, per manco ch' elle non vagliono.
Bocc. n. 14. 4. Se volle spacciar le sue cose, gliele convenne gittar via. E n. 50. 18. La quale, gittata via la sua onestà, e la fede promessa al suo marito, ec.
Diciamo Gittare i fondamenti, per dar principio. Lat. iacere fundamenta.
E Gettarsi a un' arte, cioè applicarsi più all' una, che all' altra. Lat. arti animum adijcere.
E Gettarsi alla strada, Darsi alla disperazione. Lat. impatientiae manus.