giudicio

GIUDICIO.

L' adunanza de' giudici residenti per giudicare. Lat. iudicium, ius, forum.
Bocc. n. 57. tit. Madonna Filippa, dal marito, con un' amante trovata, chiamata in giudicio, ec.
Dan. Inf. c. 5. Vanno a vicenda ciascuna al giudicio.
¶ Per sentenzia. Lat. iudicium, sententia.
Cavalc. fr. ling. Pensando alla gravezza del futuro giudicio, fece quel salmo.
Dan. Par. 19. Tale è 'l giudicio eterno a noi mortali.
Petr. Son. 64. Che i perfetti giudíci son sì rari. E canz. 19. 5. Potrebbe forse aitarne Nel benigno giudicío una tal fama.
¶ Per discorso, parere, opinione, providenza. Lat. iudicium, sententia, opinio.
Petr. Son. 202. Subito scorse il buon giudicio intero.
Bocc. Introd. num. 54. Secondo il giudicio di Parmeno, tutti andarono a sedere.
E giúdicio, di tre sillabe, con la prima lunga, per giudice.
Bocc. n. 75. 4. La quale Messer lo giúdicio teneva a' piedi: detto quasi per ischerno.