inorare. e innorare

INORARE. E innorare.

onorare, quasi innorare. Lat. honorare, decorare.
Albert. cap. 37. La pecunia l' avaro tormenta, lo largo inora, lo traditore commuove.
Grad. S. Girol. Chi inora il povero si inora Iddio, e chi 'l dispregia, sì dispregia Iddio.
¶ Da orare per pregare, supplicare, scongiurare.
Nov. ant. 100. 12. Tale è natura di femmina, che mai bene non fa, se non infintamente a chi l' ama, e chi l' innora.
Liv. M. Io vi prego, e inoro, e grido mercede.
Albert. cap.. Sempre nelle Città, ec. è avuto invidia de' buoni da coloro, che non son ricchi, e innorano i rei, e odiano le cose vecchie.