intermettere

INTERMETTERE.

Intralasciare. Lat. intermittere.
Passav. c. 27. Dee ancora la penitenzia esser continua, infino alla morte, e se non, quanto all' atto di fuori, come il digiuno, ciliccio, lagrime, ec. Le quali si possono intermettere, lasciare, e apprendere.