lamento

lamento

(la'mento)
nome maschile
1. espressione di dolore o, nel caso di animali, verso i lamenti dei feriti il lamento del cane
2. suono simile a un gemito il lamento del vento
3. manifestazione di risentimento un inutile lamento
Kernerman English Multilingual Dictionary © 2006-2013 K Dictionaries Ltd.

LAMENTO.

La voce, che si manda fuor, lamentandosi. Lat. lamentum, lamentatio, questus, us, querimonia.
Bocc. n. 80. 16. Cominciò a fare il più doloroso lamento, che mai facesse femmina. E nov. 16. 5. Madonna Beritola, finito il suo diurno lamento. E nov. 41. 19. Con così fatti lamenti, e con maggiori, non sappiendo, che farsi i marinari, ec.
Cavalc. fr. ling. Al giudicio finale udiranno contr' a se il duro lamento de' popoli.
Dan. Inf. 29. Lamenti saettaron me diversi, Che di pietà ferrati avién gli strali. E Purg. 12. Che quivi, per canti, S' entra, e laggiù, per lamenti feroci.
Petr. Son. 295. Con la mia ombra acqueta i mie' lamenti. E Son. 188. Ma sospiri, e lamenti infino all' alba.
Accademia della Crusca © 1612
Traduzioni

lamento

Klage

lamento

lamento

lamento

lamento, queja

lamento

zâr

lamento

crito, gemito, plancto

lamento

jämmer, klaga

lamento

şikayet

lamento

aah, faryaad, faza', fuGHaañ, GHam karna, gilah, giryah

lamento

[laˈmento] sm (gemito) → groan, moan; (per la morte di qn) → lament
Collins Italian Dictionary 1st Edition © HarperCollins Publishers 1995