moco

MOCO.

Spezie d' una biada simile alla veccia. Lat. ervum. gr.
Fav. Esop. Trovò apparecchiato da mangiare mochi, e cicerchie, e fave.
M. V. 3. 56. Le fave lire tre lo staio, e così i mochi, e le vecce.
Diciamo in proverbio aver l' occhio a' mochi, che vale, aver diligente cura di non esser gabbato, o rubato. Forse tolta la metaf. dalla gran cura, che s' ha a questa biada, che i colombi non se la mangino. Latin. Sibi rectè prospicere.