musare

MUSARE.

Stare oziosamente, a guisa di stupido, tratta la metaf. dall' atto, che fanno le bestie, quando, per difetto di pasciona, o per istanchezza, o per malsanía, o altra cagione, si stanno stupidamente col muso levato. Dell' origine di questa voce vedi Flos. 17.
Liv. M. Ci ha fatti assembrare lungi dalle nostre abitazioni, e musar tutto dì.
Sen. Pist. Mentre, che noi musiamo, ella se ne corre oltre.
Dan. Inf. c. 28. Ma tu, che di, che 'n su lo scoglio muse.
Accademia della Crusca © 1612