presame

PRESAME.

Da pigliare, in signif. di rappigliare. Quella materia, che si mette nel latte, per rappigliarlo, e poi farne cacio, o sia fior di cardo, o sia gaglio. L. coagulum.
Pall. Di questo mese facciamo il cacio di sincero, e puro latte, con presame dell' agnello, o del cavretto.
Cr. 9. 72. 1. E rappiglieremo il cacio di puro latte, col presame dell' agnello, o di capretto, o con la pellicina, che suole essere accostata co' ventrigli de' polli.
¶ Per metaf.
Alber. cap. 9. E avvegnachè lo convito sia presame d' amistade, non è da farlo spesso, per molte ragioni, ec. La fede è all' amico presame d' amistade, e la speranza è fermamento di essa.
Traduzioni

presame

cuajo

presame

présure