putta

PUTTA.

Puttana. Lat. meretrix.
Pist. Ovvid. Non gliene addomandai oro, ne pietre preziose, come fanno le putte femmine, che disonestamente vendono gli lor disonesti corpi, per avarizia.
N. ant. 39. 6. Allora Guiglielmo parlò, e disse. Donne, io vi prego per amore, che qual di voi è la più putta mi fera imprima.
Petr. Son. 108. Putta sfacciata, e dove hai posto spene?
¶ Per metaf. Vendereccia, venale, sì come puttana.
Dan. Purg. 11. La rabbia Fiorentina, che superba Fu a quel tempo, sì come ora è putta.
¶ E PUTTA diciamo a gazzera, mulacchia, o ghiandaia, che 'mparano a favellare. Lat. graculus, monedula.
¶ Da questo il proverbio, Dar beccare alla putta, e si dice de' giucatori, che nascosamente ripongono i danari, che egli hanno in giuoco.
¶ E Putta scodata, d' huomo astuto e scaltrito, che anche gli diciamo TRINCATO ma in modo basso.