rangola

RANGOLA.

V. A. cura, sollecitudine, struggimento. Lat. Solicitudo, cura, diligentia.
Amm. ant. Non ci diamo troppo ne' nostri intendimenti, e rangole.
Fr. Giord. S. Questa sempre fia tua rangola di portar Cristo nella tua mente.
Soliloq. S. Agost. D. Tu sai, cara figliuola, che a me conviene aver rangola dell' umana generazione.
Albert. cap. 29. Gl' ingannatori sempre sono tormentati da amare rangole, e la mala mente unque non hae allegrezza di pace. E cap. 34. Lavorar dunque dei con gran rangola, e con diligente opera.