rimorto

RIMORTO.

Più che morto, secondo la forza della particella RI, che in composizione ha virtù di reiterare, par che voglia dire morto due volte, Quì, per nostro avviso è detto per aggrandimento a dimostrar l' eccesso di quella stentata macilentezza, che pareva quasi più che di morto.
Dan. Purg. 24. E l' ombre che parean cose rimorte, Per le fosse degli occhi.