scalappiare

SCALAPPIARE.

Uscir dal calappio, e si piglia, per lo più, in senso metaforico, e vale, come qui: uscir dalle insidie, nelle quali l' huomo è incalappiato. Lat. effugere.
Dan. Purg. 21. Omai veggio la rete, Che qui vi piglia, e come si scalappia.
Il suo contrario è INCALAPPIARE, che è dar nel calappio, che vale laccio, insidia. Lat. in casses incidere.